Analizzatore Log Mail su Server

Analizzatore Log Mail su Server

Analizzatore Log Mail su Server

Uno degli attacchi hackers più frecquenti, riguardandi hosting o server, sono quelli in cui viene caricato all’interno di una delle cartelle del sito o della web application, un file scritto in diversi linguaggi che è in grado di inviare email spamm mentendo in serio pericolo l’usabilità del sito ma soprattutto rendendoci responsabili di eventuali azioni legali.

Molte volte capita che su un solo server siano ospitati più siti e che quindi sia molto difficile trovare il file “infetto” che genera il traffico di spamm.

Con PHP 5.3 viene introdotta un’importante novità ovvero, è possibile specificare quale file può fungere da log mail e quindi memorizzare gli estremi di ogni email mandata dal nostro server. Utilizzando questa funzione, per ogni email inviata, troveremo il corrispondente file che l’ha generata consentendoci quindi di eliminarlo e successivamente di correre ai ripari cercando di trovare la falla che ha consentito la scrittura dello stesso.

Basta quindi editare il file php.ini e specificare le variabili alle righe:
mail.add_x_header = On
mail.log = /var/log/phpmail.log

La prima riga aggiunge al log mail X-Header Addizionali dandoci informazioni sul processo e sul nome e percorso del file che ha generato la mail.

La seconda riga specifica in quale file queste informazioni debbano essere inserite.

Nel caso in esempio, sarà quindi necessario creare un file phpmail.log nel persorso /var/log/phpmail.log e renderlo scrivibile dal processo di PHP

Per ogni email che partirà dal nostro server, avremo una linea di log simile a quella sottostante:

1
mail() on [/var/www/miosito.com/httpdocs/pages/formmail.php:50]: To: info@miosito.com -- Headers: From: "John Brown Smith: " <jsb@miosito.com>

Facile capire il percorso che ha generato la mail e apporre le dovute soluzioni.

Hai bisogno di una consulenza o assistenza?
Apri un ticket di richiesta, ti risponderò in brevissimo tempo! Chiedere non costa nulla 😉

Leave a Reply