Blog : Pillole

Convertire File heic in jpg mac

Convertire File heic in jpg mac

Una delle domande più frequenti, soprattutto dagli amanti della mela, è quella relativa a convertire file heic in jpg su mac. Questa richiesta diventa sempre più frequente per i possessori di iphone che utilizzano la sua fotocamera ma hanno poi la necessità di trasferire le immagini sul web quindi con un formato più accettabile come può essere JPG o PNG.

Questa operazione su MAC è molto semplice e non richiede l’utilizzo di terze parti, pasta creare un’azione di Automazione e richiamarla all’occorrenza.

Come Convertire File .heic in .jpg con MAC

Andiamo anzitutto a richiamare l’applicazione Automator disponibile nella nostra cartella delle applicazioni.

Selezioniamo quindi un’azione rapida:

cerchiamo quindi l’azione “Copia elementi del Finder” e trasciniamola a destra scegliendo contestualmente la cartella dove salveremo le immagini convertite in JPG

Cerchiamo ora l’azione “Modifica tipo di immagini” e trasciniamola a destra come abbiamo fatto al passo precedente scegliendo il formato di conversione che vogliamo e salviamo la sequenza di azioni con un nome intuitivo come “Converti in JPG” o “Da Heic a JPG

Ora basterà andare nella cartella contenente i file .HEIC, selezionarli, cliccare con il tasto destro, azioni rapide e scegliere il nome dell’azione che abbiamo dato in precedenza.

In questo modo possiamo poi convertire tutti i nostri file HEIC in JPG su Mac in un attimo.

Spooler di Stampa si arresta su Windows 10

Spooler di Stampa si arresta su Windows 10

Se il tuo PC non stampa più e tutte le stampanti configurate sono scomparse, probabilmente hai un problema di Spooler di Stampa che si arresta di continuo.

Lo spooler di stampa è un sistema di memorizzazione dei file che vengono inviati ad una stampante che gestisce l’ordine di stampa evitando soprapposizioni.

Capita che questa funzionalità si arresti sul sistema operativo (come Windows 10) e anche se riavviato continui ad arrestarsi di continuo.

Diagnosi dello Spooler di Stampa

Per verificare se rientriamo in questa casistica, come prima cosa accediamo al pannello di controllo -> Stampanti.

Se notiamo che le nostre stampanti non figurano in questo elenco siamo sulla “buona strada”.

Andiamo quindi nel campo di ricerca del sistema operativo cliccando sul logo in basso a sinistra.

Scriviamo quindi nel campo il termine “Servizi” ed apriamo la funzionalità. Si aprirà quindi una finestra in cui dovremo individuare nell’elenco la voce “Spooler di Stampa”. Cliccando due volte sulla voce, si aprirà una finestra dove potremo cliccare sul pulsante “Avvia”. Se ripetiamo l’operazione dopo qualche minuto e notiamo che il servizio Spooler di Stampa si è di nuovo arrestato, vuol dire che ci sono dei file corrotti al suo interno che non consentono il riavvio.

Come Riavviare Spooler di Stampa Windows

Proviamo quindi ad arrestare il servizio di spooler di stampa come da procedura vista poc’anzi. Successivamente rechiamoci nella cartella che contiene tutti i file in coda nello spooler nel percorso:

Windows\System32\spool\PRINTERS

eliminiamo quindi tutti i file al suo interno e riavviamo il servizio di spooler di stampa. Il problema dovrebbe quindi risolversi.

Impossibile avviare microsoft outlook impossibile aprire la finestra di outlook

Impossibile avviare microsoft outlook impossibile aprire la finestra di outlook

Microsoft Office Outlook è un software client di posta elettronica e come molti di questi software utilizza un unico file per salvare le cartelle email.

Nel caso di Outlook questo file si chiama Outlook.pst . Può capitare che questo venga danneggiato per diversi motivi quindi al suo interno, vengono perse porzioni di sintassi che lo fanno diventare “corrotto” quindi inaccessibile al software.

Quando questo avviene, Microsoft Office Outlook risulterà inagibile con un messaggio di errore:

Impossibile avviare Microsoft Office Outlook. Impossibile aprire la finestra di Outlook. Impossibile aprire il set di cartelle. Errori nel file C:\Users\NomeUtenteDelPC\AppData\Local\Microsoft\Outlook\Outlook.pst. Chiudere Outlook e tutte le applicazioni che supportano la posta elettronica, quindi eseguire Manutenzione Posta in arrivo (Scanpst.exe) per la diagnosi e la correzione degli errori nel file. Per ulteriori informazioni su Manutenzione Posta in arrivo, vedere la Guida in linea. 

In questo messaggio, Microsoft Office Outlook ci sta informando che non è riuscito a decifrare correttamente il file Outlook.pst causando la mancata apertura del Programma.

Come Risolvere con Scanpst.exe

Sempre nello stesso messaggio di errore, Outlook ci invita ad utilizzare l’utiliy Scanpst.exe che in pochi passaggi riesci a riparare il file Outlook.pst consentendo quindi di accedere nuovamente al Programma.

Per avviare l’utility di riparazione, bisogna trovare la cartella in cui è contenuta ed avviarlo. Per ogni versione esiste quindi un percorso di cartelle di seguito riassunto dove basterà individuare la versione di Outlook e cercare la cartella corrispondente. In caso in cui non si conosca la versione si possono provare i diversi percorsi finchè non viene trovato:

Outlook 2016

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Microsoft Office\Office16\
  • 64-bit Windows; C:\Program Files (x86)\Microsoft Office\Office16\
  • 64-bit Outlook; C:\Program Files\Microsoft Office\Office16\

Outlook 2013

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Microsoft Office\Office15\
  • 64-bit Windows; C:\Program Files (x86)\Microsoft Office\Office15\
  • 64-bit Outlook; C:\Program Files\Microsoft Office\Office15\

Outlook 2010

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Microsoft office\Office 14\
  • 64-bit Windows; C:\Program Files (x86)\Microsoft office\Office 14\
  • 64-bit Outlook; C:\Program Files\Microsoft office\Office 14\

Outlook 2007

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Microsoft office\Office 12\
  • 64-bit Windows; C:\Program Files (x86)\Microsoft office\Office 12\

Outlook 2003

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Common Files\System\MSMAPI\
  • 64-bit Windows; C:\Program Files (x86)\ Common Files\System\MSMAPI\

Outlook 2002

  • 32-bit Windows; C:\Program Files\Common Files\System\MSMAPI\

Outlook 2000

  • C:\Program Files\Common Files\System\MAPI\locale ID\NT\scanpst.exe

Outlook 97 / Outlook 98

  • C:\Program Files\Common Files\Windows Messaging\scanpst.exe

Una volta avviato il file chiamato SCANPST, comparirà una finestra dove ci viene chiesto di indicare il percorso contenente il file Outlook.pst con tutte le nostre mail. Clicchiamo quindi su “Browse…” ed indichiamo la posizione del file che ci viene dettata dallo stesso messaggio di errore (Nell’esempio di sopra in C:\Users\NomeUtenteDelPC\AppData\Local\Microsoft\Outlook\Outlook.pst)

Avviamo quindi la procedura cliccando su “Start” e dopo che l’applicativo avrà terminato la sua analisi (solitamente 8 steps) clicchiamo sul punsante “Repair”.

Verrà quindi creata prima una copia di backup di sicurezza e quindi corretto il file.

Al termine dell’operazione sarà quindi possibile riaprire nuovamente il programma Microsoft Office Outlook.

Scaricare Favicon da Sito Web

Scaricare Favicon da Sito Web

Favicon è un termine in inglese che rappresenta la contrazione dei termini favorite icon. Sul web, questo termine indica un’icona atta a rappresentare un sito web e che solitamente compare nei browser web a sinistra della url o sui tab del sito. 

Come scaricare una favicon da un sito web

Le favicon possono avere diverse estensioni. Quelle più longeve avevano estensione .ico mentre quelle più recenti possono avere qualsiasi formato immagine anche se il formato .png è quello più utilizzato.

Talvolta si ha la necessità di scaricare una favicon da un sito web per diverse ragioni. Questo è possibile farlo in due modi:

Analizzando il Codice Sorgente della Pagina: Effettuando quindi tasto destro sul sito web -> Visualizza Sorgente Pagina . All’interno della finestra che compare bisognerà andare a individuare la url che punta all’immagine favicon e quindi aprirla in un’altra scheda del browser e salvarla come immagine

Un’altro metodo più semplice, è quello di utilizzare un comodo tool online che, fornito l’indirizzo del sito, restituisce la sua favicon da scaricare. E’ possibile utilizzare questa opzione andando sul sito: http://www.getfavicon.org/

Rimuovere più voci dal menù wordpress

Rimuovere più voci dal menù wordpress

Per chi utilizza WordPress e soprattutto con l’accoppiata woocomerce, capita di creare spesso dei menù con molte voci e talvolta è necessario rimuovere più voci dal menù di wordpress simultaneamente per risparmiare tempo.

Nativamente, WordPress non consente la modifica massiva delle voci di menù, ma occorre andare a rimuovere ogni singola voce singolarmente.

Quanto però si ha a che fare con menù composta di centinaia di voci, come spesso accade utilizzando WooCommerce, si può ricorrere a due plugin che semplificano il lavoro consentendo di editare più voci di menù allo stesso tempo.

Quick remove menu item

Questo plugin ti aiuta a eliminare molto facilmente una voce di menu e tutte le sue voci secondarie. Non è necessario fare clic su un elemento, quindi fare clic sul collegamento “Rimuovi”. Basta fare clic sul pulsante “x” (per eliminare un elemento) o fare clic su “xx” (per eliminare un elemento e tutti i suoi elementi secondari)

Il Plugin è disponibile qui: https://wordpress.org/plugins/quick-remove-menu-item/

Decriptare file cryptolocker ransomware

Decriptare file cryptolocker ransomware

Abbiamo trattato i ransomware ed anche i cryptolocker in un articolo passato che potete trovare qui

Oggi vorrei parlarvi di una risorsa utile per recuperare i file criptati da ransomware. Questi, come sappiamo, infettano i nostri PC criptando i nostri file con algoritmi di cifratura spesso impossibili da decodificare.

La buona notizia è però che per molte varianti di questo malware, sono state individuate o reperite le chiavi di codifica in grado di decodificare (scusate il gioco di parola) i nostri file quindi ripristinarli e renderli utilizzabili.

No More Ransom’s

No More Ransom’s è un portale disponibile in diverse lingue, che ci aiuta in modo gratuito a verificare se esiste una soluzione di decodifica al ransomware che ha infettato il nostro PC e ci guida nell’applicazione della soluzione del problema.

Per verificare se all’interno dei loro database sia disponibile una chiave di decodifica per la variante del malware che ci ha infettato, è sufficiente:

  • Accedere al sito https://www.nomoreransom.org/it/index.html
  • Alla domanda “OCCORRE AIUTO per sbloccare i vostri file senza pagare gli hackers*?” cliccare su SI
  • In questa pagina possiamo caricare 2 file crittografati dal malware oppure caricare il messaggio di richiesta di riscatto.

Si avvierà quindi un processo di identificazione del ransomware e si verificherà in modo automatico che sia disponibile una chiave di decodifica sul database.

Se questo avrà esito positivo, comparirà una facile guida per decrittografare i file quindi eliminare il malware dal nostro PC.

Programma per convertire file webp in jpg

Programma per convertire file webp in jpg

Cos’è Webp

WebP è un nuovo formato di immagine studiato appositamente per il web e promosso dal motore di ricerca Google per velocizzare il caricamento dei siti. Poichè incentivato dallo stesso motore, molti siti hanno cominciato ad utilizzarlo giovandone in termini di posizionamento sui motori di ricerca.

Convertire Webp in JPG con Windows

Il sistema Operativo Windows 10 supporta in modo predefinito il formato webp quindi, questi file possono essere visualizzati. Per convertire webp in jpg utilizzando windows, potremo avvalerci del caro buon vecchio Paint.

A tal fine basta cliccare con il tasto destro sull’immagine webp e cliccare su apri con… e poi selezionare Paing.

Sarà quindi sufficiente aprire il menù File in alto a Sinistra, scegliere la voce Salva con nome e poi selezionare il formato con cui vogliamo convertire l’immagin (es. JPG).

Programma per convertire file webp in jpg online

Qualora non potessimo utilizzare Windows 10 per convertire il file webp, possiamo utilizzare programmi web gratuiti che facilitano la conversione.

La mia scelta personale è ricaduta su Convertio , una piattaforma online specializzata in conversione di file.

Per avviare la conversione basterà cliccare su: https://convertio.co/it/webp-jpg/ e selezionare l’immagine dal proprio pc, avviare la conversione e quindi scaricare l’immagine.

Consultazioni mappe catastali online gratis

Consultazioni mappe catastali online gratis

Uno tra gli aspetti più belli dell’era digitale e soprattutto dell’era dei Big Data è sicuramente quello di poter rendere fruibili informazioni, prima di difficile accesso, a tutti comodamente da casa o meglio sul palmo della nostra mano.

Fino a qualche tempo fa se volevi consultare delle mappe catastali, verificare i confini di un terreno agricolo o di un’abitazione, dovevi necessariamente richiedere le mappe presso un ufficio tecnico o rivolgerti ad uno specialista.

Oggi questo non serve più grazie alla possibilità di sovrapporre mappe satellitari con i dati catastali resi fruibili dagli Enti governativi.

E’ quindi oggi possibile visualizzare mappe catastali dettagliate utilizzando uno tra i tanti visualizzatori resi disponibili dal web.

GEOLIVE

Uno tra i miei preferiti è sicuramente GeoLive il quale ha reso fruibile una consultazione della Cartografia Catastale AE sovrapposta alle mappe satellitari.

Il servizio mette a disposizione anche dei filtri che possono all’occorrenza mostrare i numeri delle particelle catastali, i percorsi di strade ed acque.

E’ inoltre possibile effettuare delle misurazioni di distanze o di superfici disegnando sulla mappa.

Link: http://www.geolive.org/mappe/

Mappe antiche del Mondo: Il Google Maps dell’Ottocento

Mappe antiche del Mondo: Il Google Maps dell’Ottocento

Nel 2014 nasceva un ambizioso quando magnifico progetto costituito da alcune istituzioni Scientifiche Croate, Austriache e Ungherese: Mapire. Questo il nome dello strumento che consente di visualizzare il mondo come se si fosse nell’Ottocento con la possibilità di ammirare le mappe antiche delle città durante l’impero Asburgico.

Mapire è un progetto estremamente innovativo che unisce la tecnologia alle conoscenze storiche e consente, grazie a strumenti quali Google Maps, OpenStreetMap e Google Earth di catapultarsi nel mondo dell’Ottocento.

Mapire: Google Maps Vintage

Mapire si è rivelato uno strumento di enorme utilità grazie anche al motore di ricerca interno con cui è possibile ritrovare mappe e cartine storiche di città o paesi antiche. E’ possibile inoltre sovrapporre le antiche mappe con quelle attuali scorgendone gli avanzamenti e le evoluzioni di popolazioni e centri abitati.

Mappe catastali dell’Impero asburgico

L’attuale versione di Mapire contiene le mappe ricavate all’interno di un’indagine militare avvenuta in due fasi: dal 1764 al 1784 e dal 1806 al 1869 arrivando a coprire tutto quello che un tempo rappresentava l’impero Asburgico.