Blog : mac

Sistema operativo linux su chiavetta usb da Mac

Sistema operativo linux su chiavetta usb da Mac

Se avete la necessità di creare una chiavetta usb con dentro un sistema operativo linux da avviare live su un PC o per installare l’OS è possibile effettuare l’operazione con Mac eseguendo pochi semplici passaggi.

La prima cosa da fare è certamente quella di scegliere la versione di Linux che vogliamo utilizzare e quindi di scaricarla. Assumiamo per esempio che vogliamo utilizzare la distro Ubuntu, ci recheremo sul sito scaricando la versione che più ci accomoda.

Ci ritroveremo quindi con un file avente estensione .iso all’interno del nostro computer .

Raggiunto questo traguardo, passiamo a creare la chiavetta usb inserendola all’interno del nostro MAC. Il consiglio è quello di formattare dapprima la chiavetta utilizzando lo strumento disk utility presente sul nostro MAC e utilizzando quindi la funzione “Inizializza

Successivamente apriamo un prompt dei comandi sul MAC e cominciamo a impartire il comando:
hdiutil convert -format UDRW -o linux.img /Users/nomeutente/Downloads/lxle_16.04.4_64.iso

avendo cura di sostituire il percorso della ISO con quello relativo al nostro computer. Se non ci conosce il percorso, possiamo trascinare la iso all’interno del prompt e verrà quindi copiato il suo percorso. Notare che nel mio esempio sto installando la distro LXLE ma vale con tutte le distribuzioni.

Impartito questo comando, verrà avviata la conversione da ISO a IMG. Sembrerà che la procedura si sia bloccata ma in realtà terminerà con un messaggio che ci avvisa che la chiavetta non risulta leggibile e sulla quale diamo un semplice “Ignora

 

Ora diamo un bel
diskutil list

per vedere tutti i dispositivi di memorizzazione presenti sul MAC. Nel mio caso, la chiavetta corrisponde a un /dev/disk4 ma voi dovrete ovviamente trovare il percorso corretto. Una volta individuato diamo un bel:

diskutil unmountDisk /dev/disk4

diamo successivamente un:

sudo dd if=linux.img.dmg of=/dev/rdisk4 bs=1m

inserendo la password utente richiesta.

Terminata l’operazione diamo un
diskutil eject /dev/disk4

e la nostra chiavetta usb con Linux sarà pronta.

Mac Lento: Soluzioni

Mac Lento: Soluzioni

A differenza dei Sistemi Operativi Windows, Mac è strutturalmente più solido e non risente di molte problematiche che sovente tendono a rallentare “fisiologicamente” un PC. Registri di sistema intasati o corrotti, software inutili, applicazioni “colonizzatrici” sono problematiche delle quali un MAC non risente. Non è però un mondo perfetto, anche i Mac possono subire rallentamenti e diventare lenti fino a raggiungere anche fenomeni di kernel panic e quindi blocco totale (sicuramente fenomeni più rari rispetto a Windows).

Per fortuna anche per il MAC lento esistono soluzioni in grado di riportare a livelli “normali” il proprio device.

Velocizzare Mac Lento: le soluzioni

Monitoraggio delle risorse: troviamo le cause

Anzitutto è importante capire cosa aggrava sulla velocità del nostro MAC. A tal proposito, il mio consiglio e quello di visionare l’andamento del sistema, magari in un momento in cui il sistema risulta particolarmente lento. Nello specifico puoi cliccare sull’icona delle lente di ingrandimento posto in alto a destra (spotlight mac) e digitare  “Monitoraggio Attività” cliccando quindi sull’applicazione che uscirà’ nei risultati di ricerca. In quest’app possiamo vedere un riassunto delle risorse utilizzate

Nella prima scheda CPU possiamo vedere l’andamento del processore e delle applicazioni avviate. In colonna troviamo anche i dati in termini di percentuale di CPU utilizzata. Possiamo quindi vedere quali sono i software che tendono a utilizzare maggiormente la CPU. Inutile dire che possiamo cercare di chiudere le applicazioni che non stiamo utilizzando per liberare le risorse dell’elaboratore. Se però non possiamo fare a meno delle applicazioni avviate, passiamo a vedere la scheda Memoria:

In questa schermata vediamo quali sono le applicazioni che utilizzano invece la memoria primaria (RAM). In basso, ritroviamo un riassunto che ci informa sulla memoria totale e quella utilizzata. Se quest’ultima tende a saturare la memoria complessiva, abbiamo un problema di RAM. Anche qui possiamo vedere quali sono i software che richiedono molta memoria per lavorare e possiamo procedere a chiudere le applicazioni che non ci servono cercando di liberare la memoria. Se però non ci è possibile chiudere applicazioni, possiamo ipotizzare di effettuare un upgrade della RAM del nostro MAC. Per effettuare questa operazione, dobbiamo anzitutto capire la memoria adatta al nostro device e fino a quanta memoria possiamo arrivare. Esiste un tool di Apple che per ogni dispositivo ci indica il tipo di memoria Ram usata e l’upgrade massimo sostenuto dalla scheda madre. Una volta identificata la tecnologia e la capienza, possiamo optare per l’acquisto di RAM da sostituire o aggiungere a quella attuale.

Altro Tab interessante è quello del Disco in cui possiamo vedere in tempo reale gli utilizzi della memoria secondaria (Hard Disk). Attraverso il grafico in basso possiamo capire se l’andamento tende a saturare le operazioni effettuate dal disco. In questo caso non abbiamo moltissimo da fare se non pensare di effettuare anche qui un aggiornamento del nostro disco fisso, sostituendo con uno a memoria a stato solido cui accessi in lettura e scrittura da parte delle applicazioni è nettamente più veloce rispetto ad un hard disk tradizionale.

Hai un antivirus? Ma a che ti serve?

Se attraverso il monitoraggio delle risorse ci rendiamo conto che il nostro MAC è lento a causa del nostro Antivirus, il mio suggerimento è quello di rimuoverlo completamente. Questo mio suggerimento non intende inimicarmi i produttori di Antivirus per MAC ma parliamoci chiaro… quanti virus esistono per MAC ? Quanti virus che arrivano per email sono eseguibili su un MAC? E se proprio ci dovesse arrivare un virus sul MAC, credete che per eseguirlo sia semplice? Per Apple, tutto ciò che non viene dal suo store risulta sospetto e prima di farti installare un’applicazione esterna ti porterà finito 🙂

Disattivare l’avvio automatico delle applicazioni

Questa procedura in realtà non ci aiuta a velocizzare il nostro MAC durante l’utilizzo ma ci consente di farlo per lo più durante il suo avvio. Possiamo quindi visualizzare le applicazioni che si avviano in automatico durante l’avvio del Device accedendo alle Preferenze di Sistema cliccano sulla nostra barra delle applicazioni (Dock) sull’icona con l’ingranaggio. Successivamente selezioniamo la voce Utenti e gruppi e nella schermata che appare clicchiamo sull’utente da noi utilizzato selezionando poi il Tab Elementi login dove potremo selezionare o meno le applicazioni che vengono lanciate durante l’avvio dell’OS agendo sui pulsanti – o + in basso a sinistra.

Come pulire Mac da file inutili

Per Windows esiste l’ormai blasonato CCleaner e anche per MAC abbiamo il suo corrispondente che si chiama OnyX. Il software, scaricabile gratuitamente qui: https://www.titanium-software.fr/en/onyx.html ci consente di effettuare una rapida operazione di pulizia del Mac agendo su file inutili di sistema, delle applicazioni, di internet e di messaggi log. Consente inoltre di effettuare una verifica della struttura del disco ed esegue degli script di manutenzione. Tra le features menzioniamo inoltre la capacità di ricostruire il database LauchServices, dekka cache di librerie dinamiche condivise, cache XPC e database CoreDuet.

Una volta scaricato dal link sopra procediamo alla sua installazione e quindi al suo lancio dalla cartella delle applicazioni. Una volta avviato, rechiamoci sul TAB Manutenzione e, lasciando i box selezionati invariati, clicchiamo sul tasto esegui in basso a destra. Verra quindi avviata la procedura di pulizia che si concluderà con il riavvio del dispositivo.

Reset PRAM / NVRAM su MAC: i tasti

Il MAC dispone di una memoria non volatile chiamata PRAM o NVRAM in cui vengono stipate informazioni come l’indirizzo del volume dell’hard disk, il volume delle casse audio ecc. Tal volta può succedere che le informazioni custodite diventino corrotte causando dei piccoli rallentamenti al sistemi. Possiamo quindi optare per svuotare questa memoria. A tal fine, è necessario procedere con il dispositivo spento. Appena riacceso il MAC, premiamo contemporaneamente i tasti cmd+alt+P+R finchè non sentiamo il classico suono di avvio del sistema. A questo punto possiamo rilasciare i tasti e attendere che il sistema venga riavviato normalmente. Dopo questa operazione, il MAC potrà risultare un pò più lento la prima volta in quanto dovrà riscrivere le informazioni sulla memoria PRAM.
Nascondere indirizzo IP in PC, mac, Android ed Iphone durante la navigazione

Nascondere indirizzo IP in PC, mac, Android ed Iphone durante la navigazione

Internet è diventato un mondo così comune e di facile accesso che molti danno per scontata la loro sicurezza quando sono online. La Cybersecurity è diventata una tra le discipline e tematiche più discusse di questo decennio e con piccoli accorgimenti, consente di avere una navigazione protetta con un impatto enorme in termini di sicurezza. Tra i molteplici fattori di protezione tratterò della possibilità di nascondere il proprio indirizzo IP durante la navigazione in PC, Mac, Android ed Iphone. 

Che cosa è un indirizzo IP?

Un indirizzo Internet Protocol (IP), è un identificativo numerico assegnato a ciascun dispositivo (ad esempio, computer, smartphone, stampanti, ecc) che è connesso ad una rete ed utilizza il protocollo Internet per la comunicazione. Un indirizzo IP ha due funzioni principali:

  • Ospitare o identificare un’ interfaccia di rete.
  • Localizzare un dispositivo.

Perché si dovrebbe nascondere l’indirizzo IP In PC e Smartphone?

Si possono avere diverse  per nascondere il proprio indirizzo IP, ma di seguito riporterò  alcune ragioni tecniche per le quali le persone dovrebbero nascondere il proprio indirizzo IP pubblico:

  • Per nascondere la propria posizione geografica.
  • Per prevenire Web tracking.
  • Per evitare di lasciare un’impronta digitale.
  • Per Bypassare siti che bloccano alcuni indirizzi IP bloccati al loro indirizzo IP.

Come nascondere l’indirizzo IP del PC e Mac

Alcuni dei modi più comuni per nascondere IP e salvaguardare la tua identità online in un PC o in un MAC sono discussi di seguito:

1. Utilizzando un proxy VPN: L’utilizzo di un servizio proxy VPN è modo migliore per nascondere il proprio indirizzo IP durante le vostre attività online. Ecco un elenco della maggior parte dei servizi di proxy VPN  più popolari e altamente affidabili in grado di nascondere il proprio indirizzo IP:

  1. TunnelBear
  2. OpenVPN
  3. Hotspot Shield
  4. VPNBook
  5. UltraVPN
  6. PacketiX.NET
  7. CyberGhost
  8. TorVPN
  9. SecurityKiss
  10. Your-Freedom
  11. USA IP
  12. Get US VPN

2. sito web basato Proxy Server: Questo è un altro modo popolare per mascherare velocemente l’indirizzo IP su Internet. Dal momento che si tratta di un servizio web-based, gli utenti non hanno bisogno di installare alcun  programma sul proprio computer. I seguenti sono alcuni dei siti più popolari che offrono servizi proxy gratuiti per oscurare il tuo indirizzo IP:

  1. Unlock My Web – http://www.unblockmyweb.com/
  2. Proxy Site – https://www.proxysite.com/
  3. Hide My Ass – https://www.hidemyass.com/
  4. England Proxy – https://www.englandproxy.co.uk/
  5. Unblocker – https://www.unblocker.us/
  6. Fast USA Proxy – http://fastusaproxy.com/
  7. New IP Now – http://newipnow.com/
  8. Anonymouse – http://anonymouse.org/anonwww.html
  9. Hidden Digital Info – http://hiddendigital.info/
  10. K Proxy – http://www.kproxy.com/
  11. Don’t Filter – http://dontfilter.us/
  12. Working Proxy – https://www.workingproxy.net/

3. Browser proxy server configurati: Ci sono centinaia di proxy aperti liberamente disponibili che si possono trovare su Internet. È possibile ottenere l’indirizzo IP di uno di quei server proxy liberamente disponibili e configurare il browser per iniziare a nascondere il proprio indirizzo IP originale. Tuttavia, in quanto sono a disposizione del pubblico, la maggior parte di loro sono morti o hanno tempi di esecuzione molto lenti.

Come nascondere l’indirizzo IP in Android

Il modo più comune per nascondere IP e salvaguardare la vostra identità online in un dispositivo Android è quello di scaricare e installare una App VPN dal Google Play Store. Alcune delle migliori applicazioni VPN che è possibile utilizzare sono i seguenti:

  1. Hotspot Shield Free VPN Proxy
  2. TunnelBear VPN
  3. Hideman VPN
  4. Tigervpns Free VPN and Proxy
  5. Free & Premium VPN – FinchVPN
  6. Betternet Unlimited Free VPN

Come nascondere l’indirizzo IP in iPhone

Alcune delle migliori applicazioni VPN che è possibile utilizzare per iPhone sono i seguenti:

  1. VPN Express
  2. SurfEasy VPN
  3. Spotflux
  4. Hotspot Shield
Come bloccare siti pericolosi per bambini

Come bloccare siti pericolosi per bambini

Il web pullula ormai di siti pericolosi per i bambini. Siti porno, scommessa, droga e molto altro sono all’ordine del giorno su internet ed è molto facile per un bambino cadere in queste trappole o solo visualizzare contenuti non adatti o pericolosi per la sua età. Molti genitori cercano quindi di correre ai ripari cercando di bloccare siti pericolosi per i bambini.

Soluzione per esperti:

E’ possibile bloccare qualsiasi sito web andando ad editare il file HOSTS ma questo richiede la conoscenza di specifici siti web da bloccare e non può fungere da filtro per tutto il mondo del web. Questa soluzione è indicata nel caso si voglia bloccare uno o più specifici siti web. Se la volontà invece è quella di bloccare tutti i siti web pericolosi per i bambini, questa soluzione non è sicuramente efficace.

 

Soluzione facile:

Per bloccare e quindi rendere sicura la navigazione online dei bambini è possibile installare applicativi adatti che fungono da filtro bloccando le risorse pericolose. Uno tra questi è il programma my Porn Blocker. Questo è uno tra i più potenti software di controllo parentale che offre una soluzione infallibile per bloccare siti porno o contenuti per adulti su Internet. Queste alcune caratteristiche:

  • Lavora in silenzio fermando i siti dannosi prima che si manifestino.
  • Lavora in modo nascosto senza dare la possibilità di chiudere il programma, di essere visualizzato all’interno del pc, nella lista dei processi o nel pannello dei programmi installati.
  • Si integra con tutti i motori di ricerca
  • Possibilità di personalizzare i livelli di sicurezza bloccando ad esempio tutti i social network
  • Dispone di filtri basati su parole chiave in grado di bloccare qualsiasi contenuto pericoloso presente in tutti i contenuti web
  • Disponibile sia per Windows che per Mac Os

 

Puoi trovare il software citato qui: My Porn Blocker! 

 

Protezione per bambini su cellulare (smartphone Iphone o Android)

Ormai anche i più piccoli utilizzano i dispositivi mobili quali smartphone, tablet ecc con molta facilità, spesso anche meglio degli adulti. Per proteggere la loro navigazione online o comunque l’utilizzo del dispositivo in generale è possibile utilizzare il software mSpy che consente di filtrare i contenuti visualizzati dai dispositivi mobili rendendo la navigazione sicura.

mSpy è disponibile al seguente link: mSpy

 

Video ufficiale del software my Porn Blocker